Premio Padre Pio

Premio Internazionale Padre Pio da Pietralcina

La vera Palma della Gloria è serbata solo a chi combatte da prode sino alla fine.

Mons.Filippo Melone con i coniugi Tilly che hanno donato la scultura di Padre Pio

Il senso del premio

Il mondo dei ricordi di breve memoria,delle traversie passate, dei successi dell’effimero, delle esperienze mondane delle frivolezze mass-mediologiche, della popolarità, ricercata a tutti i costi … molto spesso si autocelebra e relega la persona a burattino del momento, dell’attimo. Ciò che è peggio, molto spesso la messa in scena di questo teatro di burattini, comporta, molto spesso la mortificazione e lo svilimento di altre persone, che prima inneggiate e osannate, vengono relegate quali relitti di una società dell’apparire che, per un crudele gioco delle tre carte, li pone fuori della fiction della vita.

La via del percorso umano che salva e rende liberi l’ha tracciata l’Uomo dalle braccia larghe, che è stato ucciso dalle nefandezze umane solo per aver pronunciato la parola Amore. L’insegnamento più grande, dunque, viene da chi si è messo al servizio della Parola, l’ha incarnata fino ad esserne travolto e si è reso testimone concreto con la propria vita.

Padre Pio da Pietrelcina, un umile e povero frate ha tanto amato gli uomini da immolarsi per loro sull’altare dell’Amore.

Per fare qualcosa di concreto e rendere omaggio a questo gigante di santità abbiamo voluto istituire un premio, o meglio un invito, da offrire a tutti gli uomini di buona volontà che si sono prodigati ,per professionalità e spirito di iniziativa, a dare un po’ di calore al prossimo. L’iniziativa non si pone quale celebrazione della persona, quindi non vuole essere una serata di gala, ma un momento di incontro dove persone conosciute, alla stregua di quelle meno conosciute, portano le loro esperienze di vita. Il premio che viene loro consegnato, al di là dei meriti a loro accertati diventa una sorta di invito a continuare nella bella opera intrapresa e a far meglio fruttificare quei talenti per il bene comune.

Il significato più profondo dell’iniziativa è quello di un incontro delle coscienze nella semplicità .

Per incontrare realmente l’altro, infatti, occorre una grande semplicità di cuore che rivela la persona al di là delle rappresentazioni mentali, delle apparenze, dei riflessi, dei pregiudizi e del personaggio che la società ha creato. Partire, in poche parole, da una realtà oggettiva per un percorso umano più intimo: un messaggio per il prossimo di speranza, di fede e di amore.

Il premio, senza grosse pretese, vuole proprio essere un pungolo per parlare alle coscienze di ognuno e spronare a riparare per il passato, a ringraziare, per il presente, a proporre per l’avvenire. D’altronde la vera “Palma della Gloria è serbata solo a chi combatte da prode sino alla fine”.

Gli scopi del premio

Nell’ambito delle iniziative, destinate ad evidenziare la figura del grande Frate Cappuccino, il cui soffio di santità continua ad aleggiare, quale luce di speranza, sul mondo contemporaneo, riscuote notevole successo di pubblico e di critica, il Premio Internazionale Padre Pio da Pietrelcina.

Il premio vede la presenza di personaggi nazionali dello sport, dello spettacolo, della cultura, della politica … ai quali viene consegnato il Premio, quale riconoscimento di quei segni concreti di testimonianza umana e cristiana che hanno saputo donare attraverso la missione delle loro professioni o del loro lavoro.